Archivi tag: ArtistiInMovimento

ROMA – CLAUDIO LIA – “ASSORDANTI SILENZI”

GIORNATA CONTRO LE VIOLENZE SULLE DONNE

25/11/2012

Claudio Lia espone alcune delle sue numerose opere al Palazzo Castro Pretorio di Roma.

Il 25 Novembre in occasione della giornata nazionale sulla  violenza  alle donne e per la tutela del mondo femminile, Il critico d’arte Alessandra Lucia Coruzzi rileva il valore  contenutistico di alcune opere dell’autore esposte in una mostra  in corso  presso Il Ministero degli Interni, Pinacoteca  in Palazzo Castro Pretorio a Roma.

La giornata mondiale di contrasto alle violenze maschili sulle donne si impone come noto e accorato appello che vuole essere ennesimo richiamo  sociale. Fondamento civile per riconoscere  una continua ed incessante realtà fatta di  crimini, di violenza ed abusi oltre i  diritti umani.

Una data importante per il movimento internazionale delle donne, scelta in onore delle sorelle Mirabal che, opponendosi al regime Dittatoriale della Repubblica Dominicana, vennero uccise proprio il 25 Novembre 1961.

Una data da ricordare, da celebrare con coscienza e consapevolezza, un evento che anche l’arte vuole raccontare .

Tra le opere esposte alla  mostra in corso a Palazzo Castro Pretorio, quelle di Claudio Lia si impongono con forte richiamo, attraverso un silenzio lacerante,  contro l’immoralità degli uomini sperando di concorrere  alla crescita della civiltà: tenta un passo verso il miglioramento del mondo femminile chiedendo fortemente prevenzione da eventuali futuri episodi di violenza sulle donne.

Si acclama il potere dell’immagine e della raffigurazione attraverso il principio della  comunicazione  e diffusione, per tramite di una sensibile interpretazione artistica universale strumento dell’artista  Claudio Lia sensibile ed  immerso nella  ricerca della coscienza del vero.

Un autore acuto e attento ai problemi riguardanti i drammi del sociale che evidenzia mediante i suoi lavori pittorici una rivisitazione delle proprie impressioni e sensazioni. Lia, attivo al Dipartimento della Polizia di Stato, matura costante valore interiore a contatto più di altri con la criminalità, la delinquenza e maltrattamenti su donne, bambini e anziani. Un tema, dunque, che il pittore conduce e matura immerso nella sua profonda  ricerca stilistica, come messaggio sociale.

Il pittore romano fondatore dell’associazione Arte InDivisa è laborioso e concreto, come gli artisti che si esprimono da soli ed in gruppo  e che richiamano l’arte al progetto, nella sensibilizzazione contro la criminalità e nella promulgazione della legalità.

L’Associazione culturale Arte InDivisa, a cura di Roberta Di Chiara,  in collaborazione con l’Ufficio Storico della Polizia di Stato e la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, ha realizzato recentemente  in occasione del ventennale delle stragi di Capaci e Via d’Amelio e del trentennale della morte del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, una mostra itinerante “Cultura+Legalià=Libertà: L’arte contro le mafie”, giunta nella capitale italiana dopo essere partita da Torino, toccato la Biennale di Venezia e finire il tour a Napoli.

I lavori di Claudio Lia sono una denuncia, un messaggio. Non sono arroganza e presunzione, ma un eco  sottile e forte,  speranza di un mirato intervento nel  tentativo di migliorare con umanità  la sfera del contemporaneo.

Vuole istillare e stimolare nell’animo dell’osservatore un’attenta riflessione su tematiche che possano interessare la società, l’unico apparato con l’effettivo potere di tutelare dai diffusi crimini, tra cui le violenze contro le donne.

Didascalia:

Immagine  1 – Claudio Lia, “Parlano di me”, anno 2011, cm 130×130, smalto sintetico su tela con commento a fronte a cura della Dott.ssa Alessandra Coruzzi.

Immagine  2 – Claudio Lia, “Provaci ancora”, anno 2012, cm 70×100, olio su cartoncino con commento a fronte a cura della Dott.ssa Alessandra Coruzzi.

Claudio Lia “, Parlano di me”, anno 2011, cm 130×130, smalto sintetico su tela

Claudio Lia ,“Provaci ancora”, anno 2012, cm 70×100, olio su cartoncino

“Tutelare con maggiore efficacia le donne che con coraggio manifestano situazioni di abuso e far crescere l’impegno culturale, sociale e delle istituzioni nell’affrontare gli squilibri persistenti con una concezione del ruolo femminile rispettosa della dignità della persona e di corrette relazioni tra i generi”. Sono le parole di Giorgio Napolitano che  hanno teso alla sensibilizzazione nell’esigenza  di persuadere il  pensiero comune verso il maggior numero di persone al  rispetto ed al miglioramento della tutela delle donne.

Così in occasione  dell’evento internazionale del 25 Novembre 2012 pubblichiamo testo ed opere a tema .

Per le opere e le immagini  e per la visita alla Mostra Roma,Palazzo Castro Pretorio (esposizione  permanente, continua, ciclica)

Contattare Info@coruzzieventiarte.it

Altri artisti in Mostra:

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

ROMA – L’arte contro le mafie

CULTURA+LEGALITA’=LIBERTA’

L’arte contro le mafie

 

Biblioteca nazionale centrale di Roma

 

21 settembre – 18 ottobre 2012

20 settembre 2012 ore 16.30 inaugurazione mostra

Si inaugura il 20 settembre 2012 alle ore 16.30 presso gli spazi espositivi della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma la tappa romana della mostra d’arte itinerante “Cultura+Legalità=Libertà, l’arte contro le mafie”.

La mostra nasce con lo scopo di parlare delle “mafie”, seguendo il monito di Paolo Borsellino, eroe in prima linea contro la mafia: “Parlate della mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene.”

La manifestazione, realizzata dall’ Associazione culturale Arte INdivisa, in collaborazione con l’Ufficio Storico della Polizia di Stato e la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, in occasione del ventennale delle stragi di Capaci e Via d’Amelio e del trentennale della morte del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, sarà visitabile al pubblico dal 21 settembre al 18 ottobre 2012 e rappresenta la seconda tappa della mostra itinerante, che ha aperto i battenti il 24 novembre 2011 presso il Museo Regionale delle Scienze Naturali di Torino, prima capitale nel 150° anniversario dell’Unità d’Italia.
Il progetto, che ha ottenuto il conferimento della medaglia “Premio di rappresentanza”, del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, vede i patrocini di Ministero dell’Interno, Regione Lazio, Provincia di Roma, Comune di Roma.

Saranno esposte da un lato le opere realizzate da un gruppo di artisti-poliziotti già presenti alla 54^ Biennale d’arte di Venezia, dall’altro opere di artisti di spicco del panorama italiano, tutti insieme per portare un unico messaggio: la lotta  contro l’illegalità.

In stretta sinergia con le immagini, i simboli, gli eventi evocati dalle opere d’arte è la sezione bibliografica a cura della Biblioteca Nazionale: dalle proprie collezioni sono state scelte e messe in mostra le pagine dei giornali e dei periodici più significativi, dove sono descritti alcuni degli eventi più drammatici della lotta contro la mafia.

Nel periodo di apertura dell’esposizione saranno ospitate le scolaresche per un approfondimento sul tema della legalità. I ragazzi potranno rivivere le esperienze di vita degli uomini che hanno combattuto le mafie attraverso le testimonianze di rappresentanti delle istituzioni, nella certezza che “i giovani hanno più bisogno di esempi concreti di onestà che di parole”.

La manifestazione si concluderà il 18 ottobre alle ore 17 con il concerto del quintetto degli ottoni della Banda della Polizia di Stato.

Artisti in mostra:

Giampiero Abate

Angelo Barile

Giorgio Bisanti

Gianni Busso

Giulio Cardona

Roberta Coni

Fabrizio Di Nardo

Marica Fasoli

Maurizio Geraci

Cesare Inzerillo

Angelo Langè

Claudio Lia

Riccardo Mannelli

Antonio Manfredi

Silvio Porzionato

Davide Puma

Antonio Scarpelli

Giovanni Presutti

Dario Tironi/Koji Yoshida

Filippo Maria Selvaggio

Paolo Troilo

Con la partecipazione straordinaria dei Maestri

Emilio Conciatori

Francesco Cito

Inaugurazione
20 settembre 2012 – ore 16.30

21 settembre – 18 ottobre 2012

Orario di apertura della mostra
lunedì – venerdì 10.00 – 18.00
sabato 10.00 – 13.00

Didascalia foto:

Fotografia 1, Claudio Lia “Salvo”, acrilico su tela, 90×80 cm
Fotografia 2, Antonio Manfredi, “MAY BE, they could live here”,

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

MILANO – SPAZIO TADINI -“NONSOLOLIBRERIE “

FESTA DEL LIBRO INDETTA DAL MINISTERO DEI BENI CULTURALI E LIBRARI

Partecipazione a cura di Alessandra Lucia Coruzzi

 presso le sale di Spazio Tadini , Milano

23/5/2012

 

Mercoledì 23 maggio 2012, presso Spazio Tadini, Milano, viene presentata Mostra del Libro d’Artista che sviluppa mediante suggestive opere un percorso tematico al quanto coinvolgente e stimolante.

La mostra si prefissa l’obiettivo di lanciare un messaggio di consapevolezza sul valore del libro, rivisitato come strumento e oggetto conoscitivo e di arricchimento antropologico.

Un evento che vede protagonisti  gli artisti Giorgio Ulivi e Lorenzo Perrone  curati e selezionati per il progetto di partecipazione  ideato dal Curatore e Critico d’Arte Alessandra Lucia Coruzzi.

Esposizione presso le sale di Spazio Tadini  a cura di Melina Scalise per Coruzzi EventiArte e Artisti INMovimento

 Comunicazione e Ufficio stampa by Melina Scalise

Il comunicato del Ministero recita così: “ I libri sbocciano in maggio. Perchè se in questo mese la natura si risveglia, lo stesso capita alla voglia di leggere. Leggere fa crescere: è questo lo spirito de Il Maggio dei Libri, la campagna nazionale nata nel 2011 con l’obiettivo di sottolineare il valore sociale della lettura come elemento chiave della crescita personale, culturale e civile.”

Ebbene a Milano, il mese dedicato ai libri, ha visto protagoniste principalmente le librerie con una serie di eventi dedicati alla lettura, ma Spazio Tadini ritiene che il libro non sia solo uno strumento conoscitivo, ma anche un oggetto di uso quotidiano che assume significati diversi. Quante volte un libro diventa un accompagnamento di una vita intera, un feticcio, un riferimento, un ricordo, un’emozione e, in qualche caso, diventa opera d’arte. Per questa ragione il critico Alessandra Coruzzi ha selezionato due artisti per cui il libro è diventato soggetto del loro lavoro di ricerca.

“La rassegna propone due artisti che da tempo sono impegnati in un percorso legato alla ricognizione dell’opera creativa attraverso il testo, la valenza della grafia calligrafica, del valore dei contenuti e della forma – spiega Alessandra Coruzzi -. Nel corso della serata si lancia, attraverso le opere espresse con diverse tecniche e differenti linguaggi artistici, un messaggio di consapevolezza e di adesione al valore di arricchimento del libro e dell’arte. Gli artisti selezionati sono Giorgio Ulivi e Lorenzo Perrone”.

L’esposizione dei loro lavori è accolta nell’ambito della mostra in corso a Spazio Tadini dal titolo “Abbracci” di Elena Cirella, artista vivace e che affronta visioni di profondo impegno sociale per mezzo di un percorso di opere dai soggetti toccanti che stimolano approfondimenti testuali, di lettura dell’uomo e della storia, attraverso forti esplosioni cromatiche.

Giorgio Ulivi presenta opere creative e testuali in affinità con il pensiero intellettuale del poeta Carlos Franqui. Dal 1960 percorre una ricerca puntuale e segnata da mutamenti analitici ritmati nel tempo, sulla grafia e il rapporto tra il segno e lo spazio. “Le tematiche della sua produzione, rispecchiano ricerche di impronta testuale – scrive A.L.Coruzzi – con mezzi raccolti da richiami calligrafici, percorsi trascritti attraverso ricordi documentali, estrazioni di campi cromatici strappati dal tempo e dal testo già scritto. Il percorso artistico e la stilistica sono anche da leggere in riferimento alle poetiche di Carlos Franqui, poeta rivoluzionario cubano e alle particolari ricerche di Mirò”.

Lorenzo Perrone propone al pubblico la ricerca dei “Libri Bianchi “ nati da veri libri antichi e contemporanei. “Essi celano contenuti dimenticati ora da riscrivere – scrive Coruzzi. Le sue opere aderenti alla purezza del bianco adeso alle pagine incamottate dei “libri veri “, sono una risposta alla sintesi estrema del colore, alla ricerca della forza della luce e di un nuovo racconto, dove il soggetto letterario, privo di legami col testo celato, è proiettato dall’osservatore attraverso un contesto immaginifico”.

Tra le opere esposte :

Libri d’arte e di pregio come l’opera artistica di Giorgio Ulivi “Tatuaggi dell’anima” o cartelle di percorsi in opere cartacee con un gruppo di lavori da “Biografia immaginaria “ per soddisfare gli interessi di esigenti collezionisti.

Sculture “Libri bianchi “ di Lorenzo Perrone, che traspongono chiari messaggi critici. Troviamo tra i soggetti delle sue opere anche: “omaggio a Montanelli”, ”J’ACCUSE – omaggio a Saviano”, ”Raccolta indifferenziata”, ”ma fille “,  “leggimi Forte “, “ANNA P. (in memoria di Anna Politkovskaja)”.

per le opere e per le immagni contattare CoruzziEventiArte all’info: info@coruzzieventiarte.com

Contrassegnato da tag , , , , , , ,